Google+

giovedì 31 ottobre 2013

Bottega Verde Rossetto protezione e colore con olio di Argan Rosa Incanto

*Mi siedo, scrivo il titolo e moroso mi informa che a casa sua è appena sceso il finimondo. Nel giro di 5 minuti è arrivato un temporale con i fiocchi. I 15 minuti successivi passeranno alla storia come la grandinata più terrificante i tutti i tempi, con chicchi di ghiaccio grandi anche 5 cm (ma se chiedete a padre vi dirà che sono cascate mattonelle) ed acqua che provava ad entrare in garage. Se state leggendo questo post significa che stasera non c’è brutto tempo!*

Inizio di post leggendario sta sera! Il tutto ad incorniciare un rossetto, probabilmente il più discreto che ho. Sarà per quello? Non lo so! Oggi vi parlo del rossetto di Bottega Verde della linea protezione e colore con olio di Argan nel colore Rosa Incanto.

No, non l’ho comprato, era compreso in una promozione, c’era scritto arriva a 10 euro di spesa e ti regaliamo un rossetto. Cioè, ma voi cos’avrete fatto? Arrivi ai 10 euro! Tanto, in queste offerte nella peggiore delle ipotesi mi ritrovo con un paio di bagnoschiuma profumati  in più. Faccio la felicità di sorella 2! Appena visto il colore ho capito perché lo regalavano: ha qualcosa di orribile! Ma questo punto lo analizziamo più avanti.
 
Ha un buon profumo dolce ed ha una texture leggera. È abbastanza morbido, non secca assolutamente la pelle, ma contemporaneamente non se ne va in giro. Purtroppo questa morbidezza colpisce la durata. Anche senza fare grandi cose fatica ad arrivare alle due ore. Se ci mangiate non dovete aver dubbi alla fine del pasto: non ce l’avete più il rossetto, riapplicatelo e basta.

Voi però avete ancora le antenne puntate sul colore. Ecco, qua viene il difficile. Il colore di base è un rosa molto simile a quello delle mie labbra. Così simile che non so neanche dirvi quanto sia coprente il prodotto! Di suo sarebbe anche bello, è il finish che mi crea problemi. Neanche so come definirlo, è tipo metallizzato. Cioè, orrendo! Indossato fa quel meraviglioso effetto vecchietta al supermercato. E vi giuro, da promoter a clienti, al supermercato ci sono di quelle vecchiette che quando le vedo non riesco a capire se si sono conciate in quel modo per loro gusto o per demenza. Non so neanche dove le trovino certe cose! Traumi a parte, è un effetto proprio brutto certi giorni. Ci sono invece giorni in cui lo applico e mi piace, ma credo che questo dipenda dalla luce. Stamattina mi ci vedevo da schifo, ora mentre scrivo non mi sembra poi così male. Ora, potrebbe anche essere un inizio di demenza, ma trovo più logico che sia un effetto dell’illuminazione. In ogni caso, capisco perché lo regalano, e capisco perché non ho trovato altre recensioni su questo rossetto!

Insomma, personalmente non lo sceglierei, punterei su un colore meno ambiguo, però non è malaccio, ci sono volte in cui lo sfrutto volentieri. Inoltre, se in qualche modo vi ha conquistato, i rossetti nei negozi Bottega Verde dovrebbero essere scontati e pure a prezzo bloccato, non ricordo bene a quanto, ma dovreste risparmiarci bene. E se andando in bottega trovate la promoter a darvi coupon trattatela bene: potrei essere io!

E voi avete mai provato uno di questi rossetti? Come vi sembrano?

martedì 29 ottobre 2013

Essence mascara Multi Action Waterproof


Già ve l’ho accennato in passato: io d’estate ho gli occhi lacrimosi. Non chiedetemi il perché: non lo so. Di solito mi basta guardare il sole per avere queste crisi di pianto fisiologiche, ma non succede sempre. Veramente, non ho idea da cosa possa dipendere! So che devo prevenire, e quando sento le prime avvisaglie di questo strano fenomeno so che mi conviene applicare qualcosa di resistente all’acqua per evitare drammi. Oggi vi parlo del mascara di Multi Effect Waterproof di essence.
Per il prezzo che ha, sinceramente, neanche pensavo che fosse realmente waterproof! Invece da questo punti di vista non mi ha mai tradita: mai una sbavatura! Per quanto interessa a me, la recensione potrebbe anche finire qui perché questa è l’unica cosa che mi aspetto da lui. Però ci sono molte altra cose da dire, quindi diciamole!

Prima di tutto, no, lo scovolino non ve lo danno storto, l’ho ridotto io così, lui di suo sarebbe dritto. Perché torturare un povero scovolino indifeso? Perché non mi piace l’effetto che fa da dritto (come per la versione rosa dopo tutto). Il prodotto è molto colloso ed applicandolo finivo col rendere ancor più dritte le mie ciglia. No buono! Allora ho curvato il suddetto strumento, così che ora durante l’applicazione le mie cigliette vengano incurvate. In realtà la consistenza mi ostacola di molto nell’operazione, è veramente molto collosa e per quanto cerco di lavorarlo l’effetto non è mai come lo voglio io, ma poco importa: a me basta che non sbavi se mi lacrimano gli occhi!

Questo mascara ha secondo me un difetto enorme: è una faticaccia immane struccarlo! La foto dello swatch (che vede il nostro baldo mascara accompagnato alla matita sempre waterpprof e sempre di essence della linea Sun Club, la 01 ultra black) è stata scattata dopo mezzogiorno, prima di un funerale, verso le 5 del pomeriggio sono tornata a casa, ho fatto una doccia alla velocità della luce, ho rifatto la base viso e sono uscita con moroso, tornando a casa all’una. C’ho perso mezz’ora per toglierla! Mezz’ora, tre struccanti (tra i quali il bifasico di Collistar), tanta acqua e tante ciglia! Praticamente lo uso solo quando so che è indispensabile, perché non mi va proprio di strapazzare così le mie ciglia! Puntualmente, dopo averlo tolto, ci metto almeno un litro di olio di ricino per resuscitare le poverine! O.O

Insomma, trovo che sia un ottimo prodotto perché svolge egregiamente il suo lavoro. Questa cosa dello struccaggio mi preoccupa non poco, ma ci sono varie occasioni in cui sarei andata in crisi senza di lui!

E voi lo avete mai provato? Che struccante usate in questi casi?

lunedì 28 ottobre 2013

Tacchino bastardo



Oggi ricetta! È tanto che non vi propino una ricetta e ho già fame a pensiero di quello che scriverò. Ed oltretutto è il mio primo piatto non dolce che posto! No, aspetta, è il secondo, quest’estate vi ho ingolosito con il roast beef alla rucola, ma è il primo piatto a base di carne cotta che vi presento. Sì, perché io non  sono capace di cucinare, ma zero proprio. Ragion per cui, nella spiegazione vi illustrerò tutti i vari errori in cui potreste inciampare. Ne ho combinate di tutti i colori! E perché il tacchino è bastardo? Ve lo spiegerò! Io sarò anche impedita, ma anche lui ci si mette!
 
Ingredienti:
sovracoscia di tacchino
rosmarino
salvia
aglio
sale grosso
acqua

Nessuna quantità: vige la legge del Quanto Basta! Dipende da quanti siete, noi siamo in 5 e facciamo 2 o 3 sovracosce al colpo, regolatevi in base a quanto mangiate. Per il sale in particolar modo fate come vi pare: io non so salare il cibo! Di solito lo metto letteralmente a caso e spero di non fare cavolate. Voi avete sicuramente un metodo migliore del mio! Anche l’acqua e una cosa molto relativa: dipende da quanta roba cucinate dove. In genere cerco di mettere sulla pentola due dita d’acqua circa. Per le spezie secondo me si va a discrezione personale, io metto due rametti di rosmarino, due foglioline di salvia e uno spicchio piccolissimo di aglio. Quest’ultimo verso la fine della cottura viene anche tolto. 

Avete messo tutto nella pentola come ho fatto io? Ottimo! Accendete il gas, copritelo e cucinatelo a fiamma media. Avete fatto in modo che l’acqua passasse anche sotto la carne? Per Dio fatelo! Il tacchino è bastardo perché ama appiccicarsi alla pentola! Controllatelo continuamente e ricordatevi che è un bastardo: adesso è perfetto e tra un momento è intento ad accoppiarsi con la pentola! Se sollevate il coperchio ed inizia a sputacchiarvi contro sappiate che sta già pensando di appiccicarsi: aggiungete un goccino d’acqua e sollevatelo con una forchetta. Marcatelo stretto!

La cottura è piuttosto lunga, per essere pronto impiega un’ora, anche un’ora e mezza. Non lasciatelo sempre dallo stesso lato, a circa metà cottura capovolgetelo, altrimenti la parte a contatto con la pentola avrà un sapore diverso rispetto alla parte esterna. Sappiate che sarà un’operazione delicata e che probabilmente schizzerete ovunque, ma comunque è fattibile: ci riesco io! Se riuscite tenete l’intero pezzo sempre bagnato con l’acqua di cottura. Vi basta un cucchiaio e la carne sarà bella morbida.

Qual è il mio più grande problema del cucinare? Non so quando è cotta la roba! Non riesco proprio a capirlo! Sono stupida io o è normale? La prima volta che mi sono ritrovata a casa sola con tacchino bastardo ho avuto un attacco di panico a questo punto. Madre (ovviamente) non rispondeva al telefono e io ho fatto un giro di messaggi in cerca di un’illuminazione. Per vedere se è cotto si taglia in tre o quattro pezzi. Non era difficile effettivamente! Sezionate il bastardo e vedete com’è preso dentro: se non è ancora cotto rimettete il coperchio e lasciatelo dov’è.

Perché non c’è una foto del piatto cotto? Perché io sono una tipa da cotto e mangiato, letteralmente! Durante la cottura il bastardo emana un profumo invitantissimo, io arrivo a cena con una fame che a momenti mi mangio il tavolo! Figuratevi se trovo il tempo di fare una foto! Se in futuro riuscirò nell’impresa aggiornerò il post ma non prometto niente!

E questo è quanto! Vi garantisco che è buonissimo: la carne resta tenera e succosa e potete accompagnarlo con il contorno che preferite.

Cosa ne pensate? Ditemi come va se provate la ricetta! :)

giovedì 24 ottobre 2013

Kiko: promozione Just for Fan



Mi aspettavo uno sconto Kiko simile a quello di questa primavera, l’ho tanto aspettato ed alla fine è arrivato. Quindi eccoci qui, cerchiamo di capire come ottenere questo sconto del 20% su un intero scontrino.
Che poi in realtà non è che ci sia molto da capire! Speravamo tutti (o almeno tutte le persone oneste) che dopo gli episodi della 1 millionfans 1 million gifts Kiko avesse capito che era il caso di cambiare il sistema in cui distribuisce promozioni del genere. Chessò, renderle nominali per esempio, come per l’iniziativa Tutte Pazze per Pupa! per esempio. Invece no. Ok, parliamo di uno sconto che viene applicato su un totale di scontrino, perché stamparne in surplus? Per ricordo? Dubito che vedremo de avventure di questa primavera, però mi aspettavo qualcosa di diverso.

In ogni caso l’iter per il coupon è a prova di scimmia, vi basta avere un computer funzionante o uno smartphone. Il coupon lo trovate in ->QUESTO LINK<-  lo aprite e vi appare la cartolina. Se andate in negozio vi sarà sufficiente mostrare quel codice a barre, se invece comprate dallo store online vi basterà digitare il codice 2MILLIONFANS e avrete pure le spedizioni gratis.

Potete anche richiedere l’offerta via Facebook, vi appare sulla pagina di Kiko, io ho provato e mi è arrivato il codice a barre via mail, lo stesso che vedere nel voucher del link. Andare direttamente al link e non complicatevi la vita come me.

Per quanto saranno validi questi codici? Fino a domenica 3 Novembre. E saranno cumulabili con le offerte in corso? Purtroppo no! Ora sono in promozione i prodotti per il corpo (struccanti, creme, ecc ecc…) ed i mascara se non ricordo male.

E questo è quanto! Avete pronta la lista dei prodotti per cui aspettavate il buono? Io si! :)

mercoledì 23 ottobre 2013

ancora il 23/10
















martedì 22 ottobre 2013

Neve Cosmetics: crema eterea



Solitamente, la stragrande maggioranza dei prodotti per la cura del corpo che acquistiamo servono per rispondere ad un determinato problema: il sapone serve per lavarsi, il balsamo per districare i capelli, la crema per idratare la pelle e così via. Poi ci sono anche i prodotti coccola che sono un po’ meno fondamentali ma che amiamo (scrub, maschere, ballistiche&Co.). Oggi vi parlerò della crema viso più sfiziosa del mondo: la crema Eterea di Neve Cosmetics.

La crema Eterea nasce come prodotto indicato per pelli grasse o miste e io ce l’ho per casa perché madre pensava che fosse adatta a lei. In realtà la Sublime fa più al caso nostro, ma questo è un dettaglio. È parecchio strana: è leggera e corposa allo stesso tempo! la definisco corposa perché toccandola (ma soprattutto leggendo l’inci) si sente che non è come tante altre cremine che poi non combinano niente. Non so come spiegarmi bene, la definirei “soffice”, ma non è proprio un termine specifico. In ogni caso ha una consistenza che amo perché è estremamente leggera! Basta pochissimo prodotto per il viso, si stende divinamente e si assorbe subito. Ma non solo: lascia la pelle perfettamente asciutta! Odio quella sensazione di unticcio dopo aver applicato la crema!

Pur non essendo adatta alla mia pelle mi ci trovo divinamente! È molto idratante, io pensavo che, essendo per pelli grasse o miste, fosse automaticamente meno idratante, ma non è così! La trovo fantastica perché posso usarla tutto l’anno, mi rende sempre la pelle morbida ed idratata, se proprio d’inverno sono presa male, vado ad integrare con un po’ di olio di Argan, e sono apposto lo stesso.

Adesso mi chiederete perché considero questa crema uno sfizio. Perché ha un profumo meraviglioso, una vera e propria coccola! È molto dolce, ma non saprei ricondurla a qualcosa di preciso, forse vaniglia, o forse zucchero filato, non lo so, ma amo questo profumo. Se non avesse questo aroma meraviglioso probabilmente l’avrei usata solo una volta, invece ora mi ritrovo ad utilizzarla occasionalmente, giusto quando voglio quella cosa in più.

È una crema di Neve, ovviamente ha un ottimo inci! Anzi, a dir la verità ha un filtro solare al quarto posto che non fa proprio una gran figura dal punto di vista dell’eco-bio, ma trovo che sia comunque molto utile. Apprezzabile!

Insomma, mi piace tutto di questa crema, dall’efficacia al profumo. Ma soprattutto il profumo! Credo proprio che continuerò a centellinarla!

E voi avete mai provato questa crema? Cosa ne pensate?

domenica 20 ottobre 2013

Pupa Lasting Color Gel n°010



DUECENTESIMO POST!!! Mi sarebbe piaciuto scrivere un post un poco più corposo per l’occasione, ma questi giorni sono stata un po’ impegnata, quindi per non lasciarvi definitivamente a secco vi propongo uno smalto. Anzi, una gran bocciatura!

Oggi continuo la mia polemica sui Lasting Color Gel di Pupa e vi parlo precisamente del numero 010. Il colore non è niente di speciale, ma comunque carino. È un rosa chiaro con all’interno dei microglitter argentati. Peccato che questi sull’unghia praticamente non si vedono!

L’unico punto a favore di questo smalto è proprio il colore, il resto è praticamente un disastro! La tonalità è chiara, quindi non mi aspettavo che fosse coprente alla prima passata, il vero problema è che il prodotto non si stende in modo uniforme! Con due passate sarebbe anche coprente lui, ma non è uniforme, ci sono delle strisciate in cui lo smalto si è… boh, non so neanch’io cosa gli succeda! Sì distribuisce quasi a strisce, quindi in certi punti è coprente ed in altri no. Mi dispiace che dalla foto non si veda bene, ma vi giuro che live è un sacco evidente, e non vi dico che fastidio!

E non sperate che si asciughi in fretta! No, no, no! Dovete dare due passate, ma come per il suo fratello celeste, richiede il suo tempo per asciugarsi completamente. È veramente uno strazio!

Sommando le mie esperienze con i Lasting Color Gel di Pupa posso affermare che li trovo terribili! Mi sono sempre trovata meravigliosamente con gli smalti della linea classica, ma questi sono tutta un’altra cosa. No, non ve li consiglio assolutamente, se proprio volete uno smalto Pupa buttatevi su quelli normali: i colori sono stupendi, la coprenza è alta e la qualità pure.

E voi avete provato qualcuno di questi smalti? Cosa ne pensate?

giovedì 17 ottobre 2013

Essence: 24h hand moisture balm



Tutte abbiamo una crema mani in borsa. È uno dei classici prodotti che abbiamo sempre con noi: fazzoletti in gran quantità, salviettine (struccanti nel mio caso O.o), cerotti, burrocacao, assorbenti+farmaco-che-ti-salva-dai-dolori e crema mani. Loro sono gli dei dell’olimpo della borsetta. Loro sono quelli che rimpiangiamo alle 2 di mattina quando siamo distrutte e abbiamo solo una minuscolissima pochette in cui entra UN SOLO pidocchiosissimo fazzoletto. Oggi vi parlo della mia crema mani da borsa, colei che ha contribuito al salvataggio delle mie zampette più e più volte. Oggi vi parlo della 24h hand moisture balm di essence.

Sì, beh, un nome più semplice e carino glielo potevano pure dare eh! Ma non importa, sa farsi ricordare ugualmente! A prima vista sembra una crema normalissima: è bianca, non è né troppo densa né troppo liquida ed è in un semplice tubetto di crema. La profumazione è forte e delicata allo stesso tempo. So che detto così suona contraddittorio, ma è il modo migliore per descriverla! È persistente, ma non fastidiosa, mi piace veramente tanto!

Perché adoro questa crema? La trovo estremamente idratante, se avete le mani molto molto secche e la applicate, la differenza tra il prima ed il dopo la notate eccome! La pelle smette di tirare e diventa morbida, vellutata e profumata. Credetemi se vi dico che a volte fa dei veri miracoli! Ma la parte migliore è un’altra: si assorbe pure velocemente! Non alla velocità della luce, ma massaggiandola per un paio di minuti vi ritroverete con le mani pressoché asciutte. Perfetta!

Ma adesso voi vorrete sapere che razza di inci può avere una crema della essence. Inci ->QUI<-. Come potete vedere non fa completamente schifo. Certo, quel Dimeticone in settima posizione è inquietante ed il carbomer in nona gli fa compagnia, però tutto il resto è verde praticamente fino al profumo. Insomma, stiamo parlando di una crema che costerà sui 3 euro, non facciamo troppo gli schizzinosi: poteva andare decisamente peggio!

Mi piace! Svolge meravigliosamente il suo lavoro, è economica e ha un inci abbastanza decente: adoro questa crema mani e ve la consiglio caldamente.

E voi avete mai provato una di queste creme mani? Come vi ci siete trovati?
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
 
Copyright (c) 2010 una casa su un albero. Design by WPThemes Expert
Themes By Buy My Themes And Cheap Conveyancing.